Lun. Apr 15th, 2024

Noi di FiorenzaOggi, vogliamo mostrare non solo la Firenze da bere, usando un termine molto anni ’80, ma anche la città che si nasconde ai turisti e spesso agli stessi fiorentini e che in inglese viene definita come underground, sotterranea. Si tratta di una città, fatta di storie individuali e collettive strane, ma reali, anche se affascinanti quanto e forse più di un romanzo. Cominciamo questo viaggio con Ada, la predicatrice del Vangelo ai senzatetto della stazione. Ci avevano segnalato da tempo, la presenza di una signora peruviana, che predica il Vangelo, ai senzatetto, intorno alla stazione, ma non eravamo mai riusciti ad incontrarla, tanto che ci sembrava essere una sorta di leggenda metropolitana. Finalmente, tramite la sua comunità, abbiamo ottenuto un appuntamento con lei ed il nostro Photoreporter Stefano Giannattasio, ha potuto intervistarla, facendo così conoscere la profonda vocazione di fede, di questa donna, che, fuori dal suo orario di lavoro, arriva alla stazione in motorino e predica il vangelo, ai senzatetto che gravitano intorno alla stazione di Santa Maria Novella. Indipendentemente da come uno la pensi sulla religione e sulla fede, si tratta comunque di un’iniziativa, a nostro avviso lodevole in quanto spesso alle persone che vivono ai margini della società, bastano poche parole di conforto per cambiare in positivo le loro giornate, offrendo una prospettiva di speranza nel futuro, in un presente fatto di disillusioni e solitudine. Ecco cosa ci ha detto la Signora Ada nel video seguente:

 Luca Monti

Ph. e Video Stefano Giannattasio

Un pensiero su “Viaggio alla scoperta della Firenze alternativa e sconosciuta. La predicatrice che spiega il Vangelo ai senzatetto”
  1. Finalemente un articolo che parla di una Firenze nascosta.
    Permettetimi di scrive ( con lo spiritaccio toscano ) che avevate preso davvero una brutta piega. Molti di scuro,anzi troppi articoli su mostre eventi in luoghi lontani dalla Toscana! Oppure su argomenti che su Firenze ci stavano come il cavolo a merenda!! Capisco siate un giornale che vive di pubblicita’, ma insomma..! Magari dietro certi articoli ci stanno altre cose che non oso chiamare col lorono nome!!
    Giusto una idea …! Tra pocho le giornate FAI di primavera che sveleranno dirmore solitamente inaccessibili o giardini incanti….!Ecco cosa io mi aspettere da un giornale locale.
    Sul social TIK TOC ci sono dei conten creator che parlano ( ovviamente se citano un ristorante, questo da qualcosa in cambio ) della nostra bella Firenze e regione. Permetto per esempio a chi fa facendo trekking degli itinerari davvero interessanti. Per non parlare di chi fa UREX…che mostrano per esempio quanti luoghi dimenticati ci siano. Ecco questi sono gli articoli che mi aspetterei qui. Chiedo venia se ho detto bischerate, non sono una giornalista, ma una attenta letttrice e amo la mia citta’
    CC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *